Cosa vedere a Krk: una delle più frequentate isole dell’Adriatico

Cosa vedere a Krk: Cattedrale Assunzione

Collegata alla terraferma da un ponte ad arco, Krk è l’isola più grande della Croazia ed è anche la più sviluppata, grazie alla sua vicinanza a Fiume. Gli insediamenti principali sono Krk Città, un paesino antico che conserva tratti di mura intorno a un raccolto centro storico, e Baska, un villaggio di pescatori e meta turistica con una bella spiaggia sabbiosa.

Benché non sia l’isola più lussureggiante o più bella del Paese, Krk vanta un paesaggio piuttosto vario che spazia dalle verdi foreste della parte occidentale ai crinali riarsi dal sole di quella orientale, e tante attrazioni da visitare. Ecco una lista delle principali cose da vedere a Krk.

Cosa vedere a Krk Città

Ex insediamento romano, Krk si sviluppa intorno al centro storico cinto di mura e attraversato da strette strade di ciottoli. Oltre alla bella passeggiata sul lungomare, spesso gremita di turisti stranieri e di croati che si concedono un weekend al mare, questo labirinto di pietre nasconde una cattedrale romanica e un castello dei Frankopani del XII secolo.

Cattedrale dell’Assunzione

La Cattedrale dell’Assunzione è una basilica romanica a tre navate eretta nel 1188 sul sito di una chiesa del V secolo. Le colonne, alcune delle quali prelevate da edifici romani, sono disposte su due file e realizzate con calcare, marmo e granito rosso; di particolare interesse il raro bassorilievo paleocristiano sulla prima colonna accanto all’abside che raffigura due uccelli che mangiano un pesce.

Tra i dipinti dell’altare, spicca la Deposizione del XVI sec. di Giovanni Antonio da Pordenone e la Battaglia di Lepanto di A. Vicenti, che mostra la Madonna e papa Pio V mentre guardano in segno di approvazione le vittoriose forze veneziane. Nella navata di sinistra si apre una cappella gotica del XV sec., con lo stemma dei principi Frankopani che la utilizzavano come luogo di preghiera.

Ingresso gratuito; orari: 9.00-13.00 e 17.30-19.30 da Pasqua a settembre e 8.30-12.30 e 17.00-18.30 da ottobre a Pasqua.

Chiesa di San Quirino

Adiacente alla Cattedrale di Krk è la Chiesa di San Quirino, un’altra struttura romanica costruita in pietra bianca e dedicata al santo patrono dell’isola. Il suo grazioso campanile esibisce una cupola a cipolla sormontata da un angelo che suona la tromba, mentre al piano inferiore è ospitato il tesoro con numerose opere d’arte raccolte dai vescovi della città.

Tra queste la più celebre è una pala d’altare placcata in argento risalente al 1477 che rappresenta l’incoronazione della Vergine. Per accedere al tesoro (aprile-metà ottobre, dalle 9.30 alle 13.00) è necessario pagare un biglietto di 15 Kn.

Kastel

Sul lato meridionale della Città vecchia, davanti al mare, si trova il Kastel, la fortezza utilizzata dalla dinastia dei Frankopani come principale base amministrativa dal XII al XV secolo. Osserva le pietre con iscrizioni dei liburni e dei romani esposte nella corte restaurata in modo splendido, prima di inerpicarti sull’alta torre; la vista dalla cima ti ricompenserà della fatica.

È visitabile da lunedì a sabato, 9.00-21.00 a giugno, luglio e agosto; nel resto dell’anno l’orario è ridotto. Ticket interi e ridotti rispettivamente a 22 e 15 Kn.

Cosa vedere a Baska

Affacciata su un’ampia baia circondata da monti brulli all’estremità meridionale dell’Isola di Krk, Baska sfoggia un piccolo centro cinquecentesco piuttosto piacevole con vicoli tortuosi e case pittoresche non molto diverso da quelli della Bretagna o della Cornovaglia.

L’attrattiva principale è la piccola Chiesa di Santa Lucia, celebre soprattutto perché vi è stata rinvenuta la Tavola di Baska, uno dei reperti archeologici più importanti della Croazia. Scritta in alfabeto glagolitico, contiene la prima menzione di un re croato in lingua croata. Oggi la tavola originale è custodita nella Galleria Strossmayer degli Antichi Maestri a Zagabria, ma dentro la chiesa è conservata una sua riproduzione.

Edificio del primo periodo romanico basso e tozzo, fu costruita sulle fondamenta di una villa del IV sec. a.C. e nel porticato, di cui conserva una colonna e una lapide romane. Pregevole il filmato che illustra la storia della scoperta della tavola e fornisce la sua traduzione.

Biglietto: 25 Kn; orari: 9.00-21.00 da giugno ad agosto e 10.00-17.00 da settembre a maggio. La chiesa si trova nel villaggio di Jurandvor ed è ben indicata fin dall’ingresso a Baska; dista appena 2 km dalla cittadina, quindi si raggiunge agevolmente anche a piedi.

Altre cose da vedere a Krk

Sulla minuscola isoletta di Kosljun, ad appena 10 minuti di barca dalla cittadina di Punat, si trova il Monastero Francescano di Kosljun, fondato nel 1447.

Lo spazioso interno con travi in legno della chiesa del monastero, conserva un altare maggiore decorato da un polittico del 1532 di Girolamo da Santacroce raffigurante episodi della vita della Vergine, mentre sull’arco che lo sormonta è dipinto un grande e minaccioso Giudizio Universale realizzato nel 1653 da E. Ughetto.

Ci sono anche un piccolo museo con dipinti a tema religioso, una collezione etnografica e una rara copia dell’Atlante di Tolomeo, stampata a Venezia alla fine del XVI secolo. All’esterno una ragnatela disorientante di sentieri si inoltra nei selvaggi giardini del monastero, ma Košljun è così piccola che è difficile perdersi.

Il costo d’ingresso è di 20 Kn, a cui vanno aggiunte altre 40 Kn per il viaggio di andata e ritorno in taxi d’acqua. Orari:

  • 9.30-17.00, da lunedì a sabato e 10.30-12.30, domenica nei mesi aprile-ottobre;
  • 9.30-15.00, da lunedì a sabato e 10.30-12.30, domenica nei mesi novembre-marzo.

Abbarbicata su una scogliera alta 48 m sul mare, Vrbnik è un affascinante villaggio medievale fatto di stretti vicoli che di tanto in tanto si aprono a rivelare vedute di Crikvenica e Novi Vinodolski. Le ripide viuzze, lastricate con pietre di diverse forme, dimensioni e colori, risalgono la collina fino al campanile del 1527, come riporta l’iscrizione in glagolitico sopra l’entrata.

Cosa vedere a Krk con un tour organizzato

Procurati una cartina dell’isola presso l’ufficio turistico e vai a esplorare le strade intorno a Krk in bicicletta, visita i villaggi e le spiagge più belle; oppure affidati alle sapienti mani delle esperti di Musement, GetYourGuide e Viator. Cerca i loro siti su internet o clicca sui seguenti link in modo tale da poterti subito collegare alla pagina web:

Che te ne pare della nostra guida su cosa vedere a Krk? Faccelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti è piaciuto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *