Isola di Brac: cosa fare, cosa vedere e dove dormire

Isola di Brac: Zlatni Rat

Terza isola della Croazia per superficie, Brac è famosa tanto per la pietra bianca candida con cui fu costruito il Palazzo di Diocleziano a Spalato, quanto per la suggestiva Zlatni Rat, una lunga spiaggia di ghiaia che si protende nell’Adriatico.

I due centri principali, Supetar e Bol, sono piuttosto diversi tra loro: il primo è un piacevole ex villaggio di pescatori con piccole spiagge ciottolose, il secondo è più esclusivo e modaiolo.

Gli insediamenti costieri più piccoli di Sumartin, Pucisca e Milna sono meno visitati, più tranquilli e ideali per scoprire l’atmosfera rilassata delle isole del Mediterraneo.

Supetar

Luogo rilassante adatto alle famiglie e un buon punto di partenza per esplorare il resto di Brac, Supetar vanta spiagge discrete e una vasta scelta di buoni ristoranti. Le antiche viuzze in pietra del centro storico si aprono a ventaglio da un porticciolo dominato da una chiesa.

Chiesa di Nostra Signora dell’Annunciazione

Costruita nel XVIII sec. in stile barocco, la Chiesa di Nostra Signora dell’Annunciazione è sovrastata da un campanile di 35 m dalla cui cima si gode di una splendida vista sul mare. All’interno, la ricchezza dei suoi elaborati altari in marmo è stemperata da una sobria varietà cromatica che alterna il verde chiaro al giallo limone.

Sulla piazza si affaccia anche una tozza torre dell’orologio settecentesca nota come Leroj, mentre incastonato nel marciapiede a sinistra della chiesa è un mosaico romano che anticamente impreziosiva il pavimento di una basilica dedicata a San Pietro, da cui la città prende il nome.

Il Museo d’Arte Sacra dall’altro lato dell’edificio religioso espone una piccola e interessante raccolta di calici, indumenti e dipinti sacri.

Campanile e museo hanno un costo d’ingresso di 10 Kn ciascuno. Identici anche gli orari di apertura: 10.00-12.00 e 19.00-22.00 a luglio e agosto.

Cimitero di Supetar

Attrattiva del tutto inaspettata, il Cimitero di Supetar più che un luogo di sepoltura è una mostra eccezionale di sculture monumentali. Suscita particolare interesse lo sfarzoso mausoleo Petrinovic, realizzato in pietra bianca di Brac tra il 1924 e il 1927. È un bell’esempio di arte funeraria: costituito da cinque cupole in stile bizantino, una porta in bronzo finemente lavorata e un pregevole bassorilievo realizzato in stile Secessione viennese.

Spiagge

Lungo la costa, in entrambe le direzioni rispetto alla città, si trovano spiagge di ciottoli lambite da acque balneabili. Vrilo si trova circa 100 m a est del centro. Procedendo verso ovest invece, s’incontrano prima Vlacica, poi la spiaggia di Banj, un’ampia distesa di ciottoli orlata di pini e bar.

Più avanti, oltre il cimitero, si trovano le spiagge di Tri Mosta e Bili Rat, mentre superata l’ultima punta si raggiunge Vela Luka, bella spiaggia adagiata intorno a una baia silenziosa.

Bol

Nonostante sia poco più di un gruppetto di case in pietra su un attraente porto zeppo di piccoli battelli e barche da diporto, non si può fare a meno di essere sopraffatti dalla bellezza della posizione di Bol, aggrappata ai fianchi della catena di Vidova Gora.

Una lunga passeggiata costiera bordata di pini e giardini collega la spiaggia cittadina col centro storico, anche se l’attrazione principale è Zlatni Rat, un promontorio di ciottoli che si allunga per 400 m dentro al mare e richiama ogni estate schiere di bagnanti e surfisti.

Galleria Branislav Deskovic

Nella cornice di una villa rinascimentale sul porticciolo, la Galleria Branislav Deskovic espone una delle migliori collezioni della Croazia, con tre piani dedicati a dipinti e sculture di artisti croati del XX secolo. È dedicata a Branislav Deskovic, scultore originario dell’Isola di Brac che divenne famoso per le sue raffigurazioni di animali, in particolare di cani. In evidenza nel cortile la sua opera “Cane che si gratta”.

Da giugno a settembre è visitabile nelle fasce orarie 9.00-12.00 e 18.00-23.00 dei giorni compresi dal martedì alla domenica. Nel resto dell’anno lavora ad orario ridotto (9.00-15.00) dal martedì al sabato. Ticket: 20 Kn.

Monastero domenicano

Situato all’estremità di un’altura a est della Città Vecchia, il Monastero domenicano venne fondato nel 1475. Ospita un’austera chiesa del XII sec. e un affascinante chiostro. Sebbene sia spesso chiusa, la chiesa principale vanta una magnifica pala d’altare realizzata nel laboratorio del Tintoretto.

Il Museo del Monastero domenicano conserva manoscritti rari, monete, oggetti liturgici e reperti archeologici; è attualmente in restauro, chiedi informazioni sulla riapertura all’ufficio turistico.

Spiagge

Per quanto la stella indiscussa di Bol sia Zlatni Rat, non sono affatto male neanche le spiagge subito a est del centro e possono rivelarsi di sicuro più rilassanti.

In particolare ai lati del monastero si aprano due bei lidi ghiaiosi: quello a sinistra è selvaggio con acqua bassa e fondale di sassi un po’ scivolosi, quello a destra è attrezzato con ristorante e chiosco dei gelati. In entrambi l’ombra scarseggia fino a metà pomeriggio, quando diventano molto tranquille.

Zlatni Rat

La spiaggia più fotografata della Croazia, Zlatni Rat si raggiunge con una camminata di 20 min a ovest di Bol. Nonostante la sua fama e la presenza costante di folle di visitatori, l’elegante “punta d’oro” resta un posto incantevole.

Fatta di lisci sassolini bianchi e circondata da pini, questa lingua di sabbia si protende nel mare come un dito allungato, cambiando forma da un anno all’altro per l’azione dei venti stagionali.

Ovviamente la spiaggia è commerciale, con ampi tratti pieni di ombrelloni e lettini da sole affittati a 60 Kn al giorno e il costante rumore dei motori delle barche turistiche che portano avanti e indietro i turisti dalla spiaggia.

All’estremità del promontorio e nelle insenature poco più in là c’è un piccolo settore riservato ai nudisti.

Dove dormire a Brac

Essendo una delle località di villeggiatura più amate dal turismo balneare della Croazia, nel periodo estivo Brac è letteralmente presa d’assalto da orde di vacanzieri. In alta stagione gli alloggi sono molto richiesti, pertanto è consigliabile andarci all’inizio dell’estate o a settembre per godere del fascino dell’Adriatico senza confusione.

Una successione di resort occupa il lungomare tra Bol e la spiaggia di Zlatni Rat; alcuni offrono soluzioni all-inclusive, altri il trattamento di mezza pensione.

Alberghi più piccoli, guesthouse e appartamenti sono sparsi un po’ ovunque sull’isola, ma se desideri scoprire la bellezza autentica di Brac il miglior posto in cui trovarla sono i tranquilli insediamenti portuali della costa nordorientale, come Pucisca e Povlja.

Agenzie viaggi come Booking (booking.com), Hotels (it.hotels.com) e Vrbo (vrbo.com/it) potranno aiutarti nella ricerca della struttura più vicina alle tue esigenze.

Nel ventaglio di scelte presenti ti segnaliamo Villa Ana, un complesso di appartamenti a gestione familiare della periferia orientale di Bol; le unità abitative sono semplici ma ben equipaggiate. Prezzi a partire da 383 Kn.

Cercalo su Booking o clicca sul link seguente in modo tale da poterti subito collegare alle pagina web: https://www.booking.com/hotel/hr/villa-ana-bol.it.html.

Che impressione hai avuto dell’Isola di Brac? Faccelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti è piaciuto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *