Isola di Dugi Otok: cosa fare, cosa vedere e tour organizzati

Isola di Dugi Otok: Parco di Telascica

Avvolta in un’atmosfera sospesa nel tempo, l’Isola di Dugi Otok è la più grande dell’arcipelago di Zara. La costa sud-orientale conserva un paesaggio selvaggio e pittoresco, con scogliere a picco e un litorale frastagliato da insenature, mentre la parte settentrionale è coltivata a vigneti e frutteti.

L’attrazione principale è il Parco naturale di Telascica, ma anche i tranquilli villaggi e promontori dell’isola meritano una visita.

Dugi Otok settentrionale

Se pur importante come porto per traghetti, Brbinj di per sé non offre molto. È meglio prendere subito uno degli autobus diretti a nord per Bozava. Questo borgo marinaro ospita una delle spiagge più belle di Dugi Otok, Saharun, una striscia di ciottoli lunga 500 m in un’insenatura poco profonda, perfetta per pagaiare. Alle spalle del lido c’è una pizzeria-grill, anche se mangiare non è proprio a buon mercato. Per raggiungere la spiaggia in automobile da Bozava, prendi a destra sulla strada principale dell’isola e imbocca il bivio sulla sinistra 3 km più avanti.

Proseguendo fino al grazioso paesino di Veli Rat, la strada termina accanto a un faro color ocra e a una scogliera rocciosa molto caratteristica, frequentata dai bagnanti. Con i suoi 42 m di altezza il Faro di Punta Bjanca è il più alto dell’Adriatico e offre un punto di osservazione insuperabile per ammirare il tramonto.

Dugi Otok meridionale

Sali è il centro principale dell’isola ed il perfetto campo base per visitare la profonda Baia di Telascica, che divide in due l’estremità sud-orientale di Dugi Otok. Le magnifiche acque azzurre del parco (25 Kn) sono punteggiate di cinque piccole isole e di altri cinque minuscoli isolotti, mentre la flora lungo il litorale evidenzia il passaggio dalla verde vegetazione dell’arcipelago di Zara alla brulla aridità delle Kornati.

Dal parcheggio si impiegano 20 minuti di cammino per raggiungere Uvala Mira, al centro del sito naturale. Qui ci sono un bar e un ristorante, nonché un sentiero che inerpicandosi lungo un pendio boscoso, conduce in cima a un faraglione da cui si domina il mare aperto.

Procedendo in direzione sud dal ristorante in poco tempo si arriva al Lago di Mir, una pozza salata alimentata dai canali sotterranei che attraversano la roccia calcarea e comunicano con il mare. Limpido ma dal fondale fangoso, è circondato da pinete e ha acque tiepide che pare abbiano proprietà terapeutiche.

Tour organizzati a Dugi Otok

Operatori come Musement, GetYourGuide e Viator organizzano crociere di un’intera giornata nella Baia di Telascica e alle Isole Kornati; in alternativa è possibile affittare una barca con skipper per visitare i parchi in piena autonomia.

Altra attività da non perdere è la battuta di pesca sportiva, rivolta a tutti coloro che adorano trascorrere una spensierata giornata in mare in compagnia di amici o familiari.

Cerca i loro siti su internet o clicca sui seguenti link in modo tale da poterti subito collegare alla pagina web:

Che impressione hai avuto dell’Isola di Dugi Otok? Faccelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti è piaciuto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *