Isole Elafiti: cosa fare, cosa vedere e tour organizzati

Isole Elafiti: Spiaggia Sunj Lopud

Raggiungibili con una breve traversata in traghetto da Dubrovnik, le lussureggianti Isole Elafiti rappresentano un’opportunità eccezionale per sfuggire alla folla che in estate si accalca sulla costa croata. Non c’è niente di meglio che una gita in giornata in questo arcipelago per assaporare l’Adriatico nel suo aspetto più incontaminato.

Le Elafiti devono il loro nome (letteralmente “isole dei cervi”) al geografo romano del I sec. a.C. Plinio il Vecchio, che le citò in uno dei 37 volumi della sua Historia Naturalis.

Kolocep

La graziosa Kolocep è la più vicina a Dubrovnik ed è abitata da circa 150 persone. Si estende per poco più di 2,6 km² ed è ammantata di foreste di pini secolari, uliveti e agrumeti pieni di aranci e limoni. Donje Celo, il villaggio principale dell’isoletta, vanta una superba spiaggia sabbiosa a forma di mezzaluna.

Lopud

Vietata alle auto, Lopud ospita il borgo più grazioso delle Isole Elafiti, composto da case in pietra circondate da giardini esotici e dominate da fortezze in rovina.

Adagiato su un’ampia baia curva con un lungo tratto di spiaggia sabbiosa, Lopud Città è situato sul lato settentrionale dell’isola.

Cosa vedere

La prima cosa che si vede entrando in barca nel porto è l’immenso muro sul mare e il campanile alto 30 m del quattrocentesco Monastero francescano. Oggi è perlopiù in rovina, a eccezione della Chiesa di Santa Maria della Grotta che merita una visita per la pala d’altare del XVI sec. e le sedie del coro finemente intagliate.

Più avanti sul lungomare si trova l’ombreggiato Parco Dordic-Mayneri che contiene esemplari botanici provenienti da tutto il mondo, tra cui palme da dattero nordafricane, magnolie nord-americane ed eucalipti della Tasmania.

Dedicata al santo patrono dei marinai è la Chiesa di San Nicola del 1482: ha un contenuto modesto, ma offre un ambiente arioso dove godere di un momento di tranquillità.

Il Padiglione artistico Your Black Horizon è un’amalgama di arte e architettura immerso in un frutteto di cipressi, carrubi e ulivi ai margini dell’abitato. È stato trasferito qui dopo essere stato presentato alla Biennale di Venezia nel 2005. Interessante l’installazione luminosa all’interno che mostra i cambiamenti di colore sull’orizzonte nell’arco delle 24 ore.

Spiagge

In città c’è una spiaggetta, ma la scelta migliore è attraversare la strada principale dell’isola fino a raggiungere la bellissima spiaggia sabbiosa di Sunj, molto frequentata d’estate. Le acque dell’arenile sono abbastanza basse da consentire lunghe nuotate e alle spalle del lido è presente un piccolo bar che serve pesce alla griglia.

La passeggiata richiede circa 25 minuti, ma potrai anche farti dare un passaggio a bordo di un golf cart per circa 20 Kn.

Sipan

Sipan è l’isola più grande delle Elafiti abitate e sfoggia un bel paesaggio di colline scoscese su una lunga e fertile pianura punteggiata da qualche villaggio.

La maggior parte dei traghetti attracca a Sudurad, un porticciolo fiancheggiato da case di pietra e dalla grande villa con torre fortificata di Skocibuha, eretta nel XVI secolo; purtroppo è aperta solo ai gruppi con prenotazione.

Girando intorno al palazzo, il vicolo principale del villaggio sale verso la Chiesa dello Spirito Santo, costruita simile a un fortino per assicurare rifugio agli abitanti contro gli assalti dei pirati.

Da qui una strada si inerpica sulla collina fino al paese di Pakljena, prima di dirigersi a est verso un’area di fitta boscaglia interrotta da agavi, ulivi e pini. Dopo 2 km incontrerai la Chiesa di Nostra Signora, fortificata, con le fondamenta del vecchio monastero e l’annessa struttura fatiscente che sembra sprofondare nella vegetazione.

Sul versante opposto dell’isola si trova il villaggio di Sipanska Luka, che comprende i resti di una villa romana e di un palazzo ducale in stile gotico risalente al XV secolo. La spiaggia più bella di questo borgo è a circa 500 m dal porto, una minuscola striscia di sabbia a ridosso di una fila di scogli che separano la parte occidentale della baia dal mare.

Tour organizzati alle Isole Elafiti

A meno che tu non abbia pianificato di soggiornare alle Elafiti, una buona soluzione per visitare in giornata tutte e tre le isole maggiori dell’arcipelago, è acquistare il biglietto per l’escursione organizzata. Una delle più gettonate è “tre isole e picnic” che nel prezzo comprende pranzo e bevande. Per maggiori informazioni visita i siti di Musement (musement.com/it), GetYourGuide (getyourguide.it) e Viator (viator.com/it).

Viceversa ecco una struttura da appuntarti: Hotel Bozica. Questo moderno albergo con 30 camere è perfetto se cerchi pace e tranquillità. Nei servizi figurano la piscina, la spiaggia privata, il ristorante e persino il noleggio di kayak e biciclette. Camere, appartamenti e suite a partire rispettivamente da 1200, 2175 e 2926 Kn. Cercalo su Booking o clicca sul link seguente in modo tale da poterti subito collegare alla pagina web: https://www.booking.com/hotel/hr/bozica.it.html.

Che impressione hai avuto delle Isole Elafiti? Faccelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti è piaciuto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.