Cosa vedere a Trogir: attrazioni, chiese e palazzi storici

Cosa vedere a Trogir: Cattedrale San Lorenzo

20 km a ovest di Spalato, Trogir è uno dei villaggi più seducenti della costa croata, con i suoi grappoli di palazzi, torri e vicoli lastricati di ciottoli.

La magnifica Città Vecchia, incastonata come un gioiello tra mura medievali, sorge su una minuscola isoletta legata da ponti sia al continente sia alla più grande Isola di Ciovo. Per aver mantenuto intatti nella loro secolare bellezza gli edifici risalenti ad un periodo compreso tra il XIII e il XV sec., nel 1997 le è stato attributo lo status di Patrimonio dell’Umanità.

Il fiore all’occhiello della cittadina è la Cattedrale di San Lorenzo, una delle più belle dell’Adriatico, ed è proprio da qui che partiremo con la nostra guida su cosa vedere a Trogir.

Cattedrale di San Lorenzo

A dominare la piazza principale di Trogir è la Cattedrale di San Lorenzo, chiesa veneziana a tre navate dalla struttura tozza, iniziata nel 1213 e completata solo tre secoli più tardi.

Al grande scultore Radovan si deve il grandioso portale romanico, fiancheggiato dalle figure di Adamo ed Eva rappresentati nudi e timorosi sul dorso di leoni. Sui due lati una serie di pilastri poggia sulle schiene ricurve di ebrei e turchi, gli indesiderabili dell’epoca, mentre in alto un bizzarro serraglio di creature che si contorcono fa da cornice alle allegorie delle stagioni.

In fondo al portico si staglia un’altra notevole struttura scolpita: è il battistero, ornato di cherubini e realizzato nel 1464 da Andrija Alesi, un nobile albanese che abbandonò la patria in seguito all’invasione turca e imparò un mestiere per guadagnarsi da vivere.

All’interno della cattedrale, buia e cupa, vale la pena soffermarsi davanti alla quattrocentesca Cappella del Benedetto Ivan Orsini, primo vescovo di Trogir. A metà della navata sinistra si apre questo bell’esempio di arte rinascimentale. Sul soffitto, al centro della volta a botte, è raffigurato Dio Padre circondato da angeli che guardano in basso; nello spazio sottostante è un fregio con statuette di santi che occupano nicchie incorniciate da putti alati.

Non trascurare poi il Tesoro, che racchiude un trittico in avorio e numerose reliquie d’argento, e il campanile da cui si gode di un eccezionale panorama sulla Città Vecchia.

È visitabile dal lunedì a sabato, 8.00-20.00 e domenica 11.30-19.00; ticket: 25 Kn.

Loggia comunale

Sulla stessa piazza della cattedrale si trova la Loggia comunale, una struttura del XV sec. aperta ai lati e impreziosita da un bassorilievo di Ivan Mestrovic raffigurante Petar Berislavic, vescovo di Zagabria e bano di Croazia, che nel XVI sec. combatté una battaglia vana contro il potere ottomano.

Museo di Arte Sacra

Accanto alla loggia, l’ex palazzo vescovile è ora sede del piccolo Museo di Arte Sacra. Tra gli oggetti di maggior pregio ci sono:

  • manoscritti miniati
  • una grande tela di Giovanni Bellini che rappresenta San Gerolamo e San Giovanni Battista
  • un vivido Crocifisso con Cristo trionfante quasi a grandezza naturale.

Visitabile da giugno a settembre nelle fasce orarie 8.00-20.00, da lunedì a sabato, e 11.30-19.00 domenica, ha un costo d’ingresso di 10 Kn.

Museo Civico

Palazzo Garagnin ospita il Museo Civico, una raccolta che ripercorre la lunga storia di Trogir con libri, documenti, disegni e costumi d’epoca. Degno di nota il rilievo statico della Vergine e il Bambino del XV sec. di Ivan Duknovic.

Interi e ridotti costano rispettivamente 20 e 15 Kn. Orari: 10.00-13.00 e 18.00-21.00 tutti i giorni a luglio e agosto e da lunedì a sabato a giugno e settembre; 9.00-14.00 da lunedì a venerdì da ottobre a maggio.

Convento di San Nicola

Il Convento di San Nicola è famoso per il suo Tesoro, che custodisce lo stupefacente bassorilievo in marmo rosa del III sec. con soggetto Kairos, il dio greco del momento propizio. Il resto della collezione si compone di quadri sacri del Cinquecento di influsso bizantino e bauli dipinti in cui le novizie portavano la loro dote per le future nozze con Cristo.

Da giugno a metà settembre è aperto dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00; il resto dell’anno su richiesta all’ufficio turistico. Il biglietto costa 10 Kn che scendono a 5 Kn per i bambini.

Castello del Camerlengo

Il Castello del Camerlengo del XV sec. deve il nome al kamerling, l’ufficiale veneziano che amministrava le finanze cittadine. La fortezza, un quadrilatero irregolare sovrastato da una massiccia torre ottagonale, era originariamente collegata alla cinta muraria. L’interno è praticamente vuoto, ma si può salire e passeggiare in cima alle mura per 25 Kn.

Gloriette di Marmont

Situato all’estremità occidentale di Trogir, la Gloriette di Marmont è un gazebo retto da sei colonne e coperto di graffiti che si affaccia sul cantiere navale in disuso di Ciovo. Fu costruito dai francesi durante l’occupzione napoleonica della Dalmazia per il maresciallo Marmont, che era solito sedersi in mezzo a questo padiglione per giocare a carte.

Cosa vedere a Trogir con un tour organizzato

Oltre ad essere una bella località in cui trascorrere una piacevole vacanza, Trogir è una comoda meta per una gita in giornata. Difatti è possibile fare il giro della città in un solo giorno e scoprire i punti d’interesse assieme a un gruppo capeggiato dalle guide di Musement, GetYourGuide e Viator. Cerca i loro siti su internet o clicca sui seguenti link in modo tale da poterti subito collegare alla pagina web:

Che te ne pare della nostra guida su cosa vedere a Trogir? Faccelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti è piaciuto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *